Garbaccio Bicortical Screw

“ Il principio dell appoggio bicorticale, costante e definitivo, produce una stabilizzazione che blocca la vite su due compatte situate alle due estremità favorendone il definitivo consolidamento per osteogenesi riparativa, protetto dallo “stato di quiete” in cui avviene la guarigione. Dopo tali premesse è ovvio che possiamo ricorrere al carico immediato “.

 ESCAPE='HTML'

“ Non sembra che a tutt’ oggi le varie tipologie di impianti siano tali da poter escludere eventuali danni provocati dal loro uso. Ogni strumento che usiamo dovrebbe essere studiato per avere delle caratteristiche tali da non creare danni, allo scopo di ottenere il risultato prefissato “.

 ESCAPE='HTML'

" Osservando attentamente  notai la differenza tra le due incisure: quella indicata con il numero 1 è in un tessuto osseo spongioso formato da cellule vive e vitali che rispondono al trauma in modo elastico, quasi gommoso (ricordiamoci che l'osso non è un pezzo di legno!), per cui la stessa si riduce immediatamente dopo il passaggio della spira.

L'incisura indicata con il numero 2 invece ha mantenuto un'impronta più marcata, caratteristica della spira e ciò perchè in questo punto la vite sfrutta come bicorticalismo la lamina dura, che non ha la stessa elasticità del tessuto spongioso.

Tutto questo giustifica quanto ho asserito in precedenza e spiega poi la ragione per la quale vennero portate alcune modifiche che col tempo diedero buoni risultati. Infatti durante tutta la mia vita non ho mai tentato di sovvertire il mondo, ma il mio scopo fu sempre di ridurre anche se di poco il numero degli insuccessi e facilitare il processo di guarigione dei tessuti interessati dall'impianto.

 ESCAPE='HTML'

In corrispondenza dei numeri 4 e 5 si notano alcuni arrotondamenti ritenuti molto importanti per la guarigione dell'osso. In chirurgia si devono evitare tutti gli interventi che producono un'angolatura, poiché tali zone, per mancanza di apporto sanguigno, possono andare incontro a necrosi. Nel medesimo tempo tale arrotondamento riduce il rischio di rottura della vite stessa.

IN NATURA NON ESISTONO ANGOLI VIVI !!!!

Al punto 5 si nota che l'intaglio della spira ha una forma triangolare, leggermente arrotondata all'apice, che si comporta come uno scalpello che crea uno spazio che contenga il manufatto senza ischemizzare e necrotizzare l'osso ( evitando l'inceppamento che facilmente avviene con una forma lamellare, ed il rischio di distorsioni della spira stessa durante l'immissione).

Il punto 3 indica che è stato asportato un piccolo angolo (spoglia) al fine di evitare inutili scarificazioni durante la manovra di alleggerimento e, come ho detto in precedenza, poiché l'osso si comporta in modo elastico, favorire l'asportazione del tessuto nella fase successiva dello scalpello, senza inceppamento, evitando di dover creare una più ampia apertura dell'intaglio a scalpello della superficie di contatto con l'osso. "

 ESCAPE='HTML'

Partner: VI-STOM sas - Albenga

 ESCAPE='HTML'

Per ricevere documentazione ulteriore, utilizza il format nei contatti.

 ESCAPE='HTML'